Alimentazione vegetariana

V come viaggio, V come veg: a tavola in compagnia

Diciamocelo: la grigliata è social. Tormentone dell’estate forse più di Despacito.. 

Ma visto che io non la condivido, è social solo per gli altri. 
Mesi fa, ho ricevuto un’invito: “dai venite a casa nostra che facciamo una grigliata in giardino” e, dal momento che dovevo comunque declinare l’invito per precedenti impegni, ho deciso di approfittare per manifestare la vegetarianità.. 
Film finito. Titoli di coda. Da allora non ho più pranzato o cenato con nessuno più che con mio marito e i miei figli. Al massimo, forse, un paio di volte con i miei.
Vita sociale rasente lo zero. E non tornerei mai indietro in cambio di una grigliata, ma mi manca un po’ condividere qualche pranzo o cena con amici e bambini..
Mi manca quella leggerezza di dire, in quattro e quattr’otto, mettiamo insieme qualcosa e ceniamo da noi. 
Anche perché, diciamocelo, sono ancora ben lungi da potermi dichiarare una esperta in cucina vegana.. sono ancora molto in fase sperimentale, ben lontana dal poter contare su dei piatti davvero forti da poter invitare ospiti e poterli prendere per la gola. 
Perché, seppure io non sia un’integralista e cerchi sempre di adattarmi a quello che trovo nei ristoranti e pizzerie senza far pesare la mia scelta a nessuno e soprattutto senza fare piazzate, non cucinerei mai e poi tagliate di manzo e filetti alla Voronoff. 
C’è da dire che anche fuori di casa spesso non va meglio eh (fatta eccezione per le buonissime polpette vegetariane da Ikea 😋).. ieri sera siamo stati a cena in una trattoria vicino a casa per festeggiare il compleanno di mio papà. Ho ripiegato su dei tortelloni di pasta all’uovo ai funghi.. che probabilmente sarebbero stati anche gradevoli se non ci avessero aggiunto sopra due dita di olio (ok che il DOP del Garda è buono.. però c’è un limite) e almeno 6 o 7 cucchiai di grana grattugiato. 

Non esagero. È quello che è rimasto nel piatto una volta finito i tortelloni. Di solito uno il grana se lo mette se gradisce, non ho mai visto uscire il piatto già pieno direttamente dalla cucina. 
Tutti gli altri hanno detto di aver mangiato benissimo. Per me, anche no. Oltretutto ho bevuto tutta la notte come un cammello. 😱 
Voi che fate? Come vi regolate e organizzate?

Annunci

22 risposte a "V come viaggio, V come veg: a tavola in compagnia"

  1. si può fare la grigliata di verdure 🙂 io ora sono asociale ma quando ancora uscivo portavo alle grigliate la mia roba e quella di A. verdure o cose prese da natura sì.
    Però se V come Veg la lasagna all’uovo mmmhhhhhhh 😉 lo so sono bacchettona ❤
    Ci sono un casino di pagine su fb dove puoi trovare ricette stupende e anche qui ci sono tante blogger vegane a cui puoi ispirarti mi sa….

    Piace a 1 persona

    1. Si sì, sono con te pure sulla lasagna all’uovo infatti è stato un ripiego per non fare la difficile.. facevano solo pasta fresca fatta in casa all’uovo 😱
      Ho trovato diversi blog interessanti da cui prendere spunto.. mi manca un po’ il tempo di sperimentare cose nuove ecco 🙇🏻‍♀️
      Grazie 😘😘😘😘😘

      Piace a 1 persona

  2. A me invece è successo esattamente l’inverso da quando ho declinato inviti di banchetti a base di prodotti animali perchè privi di alternative per poter permettere che mi ci sedessi con loro… la “loro” curiosità è cresciuta e mi ritrovo sempre gente incuriosita nel voler provare sperimentare(anche molto titubante devo ammettere)…ma faccio quasi difficoltà a gestire e organizzare inviti a cena/pranzo!
    Stessa cosa quando esco a cena o pranzo fuori…a meno che non vada in una griglieria/braceria dove l’unico prodotto adatto al mio regime alimentare è la misticanza d’insalata e delle patate arrosto, trovo sempre un’alternativa. Molti non valutano che della pasta al pesto puó essere realizzata anche senza parmigiano, che dei tagliolini (non all’uovo) ai funghi porcini sono una proposta Veg…che delle penne arrabbiata sono un piatto Veg… orecchiette con cime di rapa sono un piatto vegano a tutti gli effetti! In più se si chiede di poter scambiare 2 chiacchiere al volo con lo chef o il cuoco del posto con la massima educazione e col sapersi dover porre nel modo giusto un’alternativa esiste sempre! Sono pochissimi gli accorgimenti da dover apportare senza dover stravolgere o voler dettar regole all’interno di casa altrui. Io non trovo particolari difficoltà 😉👌 per chiunque volesse spunti puó fare un salto sul mio blog e saró felice di condividere o di rispondere ad eventuali quesiti/richieste! Mangiare deve essere un piacere NON UNA COSTRIZIONE e una sofferenza continua e stracolma d’intoppi! TUTTI I MENÙ di questo mondo sono stra-colmi di piatti e alternative vegane, basta saper scegliere e farsi guidare o proporre delle piccolissime cose! Io la vivo così…😉👊

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Chef! Grazie del tuo intervento ☺️
      Mi sa però che tu non fai testo.. ti credo che siano tutti in fila per farsi invitare da te.. con l’esperienza e le capacità che hai!! Io sto al primo gradino 🙇🏻‍♀️
      Per le cene fuori invece.. io finora ho fatto esattamente le scelte che hai elencato tu nel tuo commento, ogniqualvolta le ho trovate. Una pizza con le verdure e senza mozzarella è ottima! Quando mi dichiaro vegana probabilmente pensano forse che io “bruchi” erba di grano 😂 invece bene o male un’alternativa l’ho sempre trovata.. in alcuni locali (come ieri) non sono riuscita a trovare alternative senza uova (e poi -scoperto dopo- la valanga di parmigiano). Sai cosa, anche? Se non ricordo male tu vivi a Roma e magari la mentalità è un po’ più aperta e allenata.. qui, dalle mie parti, c’è anche da dire che come dicevo in qualche post fa, collegano vegano = mentecatto = poverino, non sa cosa si perde..

      Piace a 1 persona

      1. Ti volevo in primis ringraziare per i complimenti🤗 sei sempre gentilissima! Fidati che ogni mondo è paese e anche nella Capitale situazioni difficili da gestire si presentano e nessuno è così aperto o allenato di mente se non “noi stessi”… sul “poverino non sa cosa si perde” io sorrido loro semplicemente, perchè io sono stato (involontariamente e volontariamente) onnivoro, quindi tutte le pietanze di coloro che non abbracciano questa mia scelta le conosco ampiamente e le ho mangiate.
        Son “coloro che non hanno orecchi per sentire e occhi per vedere” che invece molte delle mie proposte culinarie non le conoscono affatto e in molti casi ne prendono a priori le distanze. Sapessi quanti cibi io non conoscevo e credo che “loro” non conoscono tutt’ora😜👍👍

        Piace a 1 persona

      1. Ahahah sei fantastica! Ti diró…col tempo ho imparato a non identificare “primo piatto” o “secondo piatto”…quello lo faccio più per non spiazzare i miei commensali e per non dar loro l’idea che la dieta vegana sia fuori dai loro canoni. Solitamente io mi baso sul pasto completo (intendo che abbia proteine, carboidrati e i giusti acidi grassi)… mi spiego meglio se come antipasto in un ristorante trovo dei cannellini proposto ad insalata (ad esempio con cipolla aglio e timo) vedo di metterci vicino delle verdure grigliate e qlc fetta di pane (integrale)…ed è lì che ho fatto il “mio pasto”. Le proteine ci sono coi fagioli, i carboidrati con il pane, vitamine e fibre con le verdure…grassi buoni mi auguro utilizzino dell’ olio EVO ed ecco risolto la potata a ristorante

        Piace a 1 persona

      2. No dai, impossibile no. Certo ci vuole elasticità. Magari da entrambe le parti.
        In un hotel a 4 stelle in val pusteria non mi aspettavo che l’alternativa a “crudo e melone” fosse solo melone, per dirti. Per la pasta all’uovo con panna e speck, pasta all’uovo ai 4 formaggi😳. Per il vitello con verdure grigliate, togliere il vitello e lasciare le verdure grigliate.
        Con un insalata di cannellini ci sarei andata a nozze, per non parlare della festa che avrei fatto se avessi trovato un piatto unico come una bella zuppa di legumi e cereali 😍

        Piace a 1 persona

      3. Bisognerebbe farlo presente peró… non bisogna abbozzare e basta! Un 4 stelle che si perde dinanzi ad una richiesta no meat-no fish-no milk-no eggs è davvero spiazzante😜👍bisogna punzecchiarli(con educazione)! Nel 2017 chi non è aperto a 360gradi con la mentalità è meglio che chiuda(mi dispiace dirlo)😉👍! Non avere alternative è deludente e non più ammissibile ai giorni d’oggi!😜👊

        Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...